Day: settembre 19, 2014

Morandi a Colori – Il centro culturale Giorgio Morandi

Oggi 19 settembre 2014 vi parlo del Centro Culturale Giorgio Morandi che opera nel popolare quartiere di Tor Sapienza, estrema periferia est di Roma, sulla via Prenestina.

Sempre in zona, poco più oltre c’è l’ormai famoso MAAM, il Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz_città meticcia.

Domani 20 settembre è un gran giorno per il “Giorgio Morandi”, dopo un grosso lavoro di “restyling”, domani per l’appunto, ci sarà la grande re-inaugurazione del Centro, alle 16 comincerà la grande festa che andrà avanti fino a sera inoltrata. Siete tutti invitati! Ed il Giorgio Morandi in questo nostro progetto ci sta tutto, perché, oltre ad essere un grande polo culturale per il quartiere, è anche un luogo che conserva tanti murales, opere d’arte contemporanea che non hanno assolutamente nulla da invidiare ai tanto blasonati musei del circuito ufficiale, anzi…..!

_MG_0063-Modifica

Curatore ed animatore del Centro Culturale Giorgio Morandi è Carlo Gori, anche lui street artisti che abbiamo avuto ed avremo ancora occasione di incontrare nel corso delle nostre escursioni al MAAM.

Carlo Gori è un’artista multidisciplinare nato nell’ambito teatrale dove l’incontro è stato sempre  il primo aspetto fondamentale. Ama dipingere fra la gente  perché gli piace farsi contaminare da coloro che gli girano intorno e dai luoghi che percorre. Considera l’arte come mezzo per potersi esprimere con più profondità, senza tante parole e con nuove sintesi, anche stilistiche: lui ipotizza che se la sua pittura nel tempo si è affinata, lo deve alle persone che ha incontrato e ai bisogni cui ha provato a dare voce.

Carlo è il direttore artistico di progetti come Morandi a colori, Tor Sapienza “Quartiere d’Arte”, Tor Sapienza in Arte e, prima, Torbellamonaca che spettacolo!!, che mettono l’arte al centro della vita di una comunità di periferia, sia per contribuire a darle un’identità, sia per creare le occasioni del suo riscatto. Ci crede davvero, perché ha fiducia nelle persone, anche al di là di quello che vogliono rappresentare di sé o di quello che gli altri vedono di loro. Le comunità che vive maggiormente sono multietniche, volenti o nolenti, povere, isolate, con molti conflitti, latenti e no, ma, ad ogni modo, capaci di possedere una ricchezza incredibile che aspetta solo di essere svelata, in primis da loro stesse.

_MG_0072     _MG_5384_5_6_7

 due opere di Carlo Gori

_MG_5396     _MG_5399

due particolari della grande opera di Aladin che si stagli sulla parete esterna principale del Centro Culturale

_MG_5389

Charlot ed il monello visti da Aladin

_MG_0086   _MG_0084   _MG_0085

tre particolari dell’opera

_MG_0073-Modifica

panchina e muretto dipinti da Pino Volpino

_MG_0073

in particolare, la panchina

_MG_0070     _MG_0089

particolari di due opere realizzate a quattro mani da Carlo Gori e Tomoe

_MG_0066     _MG_0080

altre due opere presenti al Circolo Culturale Giorgio Morandi : la prima di Carlo Gori, la seconda di Pino Volpino