Ex Voto

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /279

Il murale del giorno di oggi 3 maggio lo dedichiamo alla Resistenza. Il luogo uno dei simboli del riscatto e della rivolta cittadina contro il nazi-fascismo, Porta S.Paolo.

L’opera “Splendida Madre della resistenza”, scortata dai ritratti di due eroi della democrazia, vittime del fascismo.

Il primo è Argo Secondari, anarchico tra i fondatori degli Arditi del Popolo, movimento che si opponeva fisicamente alle squadracce fasciste, fatto marcire in manicomio dal regime fascista.

Molto più complessa la storia di Giudo Picelli, l’altro eroe accanto alla Splendida Madre della resistenza; lui, parlamentare del PSI e poi del PCd’I dopo la sua fundazione del 1921, fu tra gli Aventiniani. Dichiarato decaduto dal mandato a causa delle leggi fasciste del 1926 fu incarcerato, mandato al confino. Riuscì a fuggire e girò mezza Europa per finire in Unione Sovietica dove sotto le pughe staliniane venne perseguitato. Riusci ad uscire dall’Unione Sovietica e andò a combattere contro il fascismo nella guerra civile spagnola dove morì in  circostranze molto sospette colpito alla schiena; si dice che la sua uccisione fosse avvenuta su ordine impartito da Mosca.

L’autore del trittico (poster) è Ex Voto.

279a

l’opera

279b

sul muro retrò che circonda il museo del tram di ATAC alla stazione Roma -Ostia Lido

Annunci

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /259

Restiamo anche oggi in via di Porta Portese. Lì, su quel quel muro, oltre all’opera di Robocoop presentata ieri, abbiamo trovato una madonna realizzata da Ex Voto. Si tratta della “Santa Madonna della Cinematografia” (luci, motore, azione e…. così sia). Ha trovato alloggiamento in una cornice naturale del lungo muro che viene spesso utilizzato, da parte degli artisti, per presentare le loro opere; ricordiamo la magnifica opera di Zilda apparsa nel 2012, la Pietà Pasoliniana dello scorso anno, così come il “faccione” di JBRock  ancora presente.

259a

l’opera di Ex Voto

259aa

l’ambiente

259c

l’opera di JBRock

259d     259e

259b

il via vai

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /206

Ringraziamo Monsieur Sax, belga di Dinant, che con la sua ingegnosa invenzione ha fatto sì che  Coltrane ci deliziasse con le sue grandi suonate Jazz.  John Coltrane, ritenuto unanimemente il più grande sassofonista della storia del Jazz, fu attivo negli anni ’50 e ’60 e visse da protagonista il passaggio storico dal Bebop al Free Jazz quando esplosero, negli Stati Uniti, le lotte per l’affermazione dei diritti dei neri che espressero grandi personaggi quali Martin Luther King e Malcome X.

Il 17 luglio ricorreva l’anniversario della morte di questo virtuoso del sassofono; lo street artist Ex Voto (vedasi “un murale al giorno” numero 163, 170 e 176) ha voluto celebrarlo realizzando una serie di poster, 5 per la precisione, che sono stati esposti sul muro di recinzione della Casa del Jazz in quello splendido scenario che sono le mura Aureliane della città di Roma, in via di Porta Ardeatina. Siamo all’estremo nord del quartiere Ostiense; il sito è un bellissimo complesso di tre edifici con parco annesso, costruito nella seconda metà degli anno 30 del secolo scorso sui resti di una villa seicentesca; appartenuto ad un esponente della famigerata banda della Magliana, nel 2001 fu confiscato ed assegnato al Comune di Roma che ne ha fatto per l’appunto la casa del Jazz, con un auditorium, una mediateca, una biblioteca e vari locali da intrattenimento.

IMG_0014

l’esposizione al completo

Ed ora facciamo una carrellata delle singole opere dove dominano quattro spazi temporali della vita di Coltrane, dall’adolescenza alla maturità artistica:

IMG_0017-2     IMG_0016-2

IMG_0018-2

IMG_0019-2     IMG_0020-2

Veniamo all’ambientazione espositiva; via di Porta Ardeatina è una strada poco frequentata, lontana dalla confusione e dal caos che contraddistinguono quella chiassosa città che è Roma:

IMG_0027-2

IMG_0034-Modifica-2

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /176

Con il murale al giorno numero 170 avevamo presentato alcune opere di ex Voto. Ognuno di noi ha una nostra signora ritagliata su misura per il nostro lavoro, le nostre passioni, i nostri ideali. Oggi, a Nostra Signora della Metallurgia e alla Madre della Resistenza, si aggiungono altre tre “Mary”:

176a

Santa Madonna della Fotografia – sottopasso via delle Conce

176d

Nostra Signora der Futteball

176e

incastonata in una nicchia in via Nicola Zabaglia, di fronte a quello che fu il campo di calcio di Testaccio

176b

Mary Ramona, in un anfratto di via Giuseppe Libetta ad Ostiense

176c

semipiano americano

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /170

Questa sere vogliamo presentarvi alcune “Nostre  Signore” realizzate da Ex Voto; domani seguiranno ulteriori notizie!

“Santa Madonna della metallurgia” esposta in piazza del popolo a Roma in occasione dell’ultima manifestazione dei Metalmeccanici del 28 marzo u.s.

170a

l’opera

170b

la folla di fedeli

Madre della Resistenza; esposta in bacheca in via del Teatro Valle a Roma, Rione S.Eustachio. Finita sotto un cumulo di manifesti, solo di recente ha riconquistato la luce, anche se reca, pesanti, i segni del tempo.

170c

l’opera

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /163

La quasi forzosa inattività cui siamo relegati per un odioso evento in cui siamo stati di recente coinvolti ci costringe a scavare nel nostro archivio. E solo ora ci rendiamo conto dell’immenso ed inestimabile tesoro di cui siamo depositari. Per rendere l’idea, questa sera vi presentiamo tre opere, di cui le prime due sticker, che facevano un figurone nell’area ad essi riservata, nella platea dell’ex cinema Volturno ( ne abbiamo parlato nei murale al giorno numero 98, 80, 61 e 59). Quel centro di aggregazione sociale, voluto dai giovani e dai cittadini del rione Castro Pretorio di Roma e sgomberato da quasi un anno dall’intervento della forza pubblica su richiesta della proprietà che ne vuole fare una Sala Bingo, era depositario di un vero e proprio museo di arte contemporanea; a quanto è dato sapere si ritiene che tutto sia caduto sotto i colpi dei picconi ed ancor prima dell’ignoranza del sistema Italia.

163a

incorniciata da tantissimi adesivi spicca l’opera di Standard 574

163b

e qui emerge l’opera “Notre Dame du Socialisme” di Ex Voto

E per chiudere in bellezza ecco una perla di Omino 71 che faceva parte di una mostra collettiva di quadri realizzati da street artisti attivi nella città di Roma.

163c