Trastevere

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /288

Quarto e penultimo appuntamento con la collettiva mondiale di artisti finlandesi, messicani/canadesi, spagnoli/francesi ed italiani che hanno invaso i vicoli di Trastevere, forse il più particolare dei Rioni un cui è divisa la parte di Roma racchiusa fra le mura Aureliane. Avevamo chiuso l’articolo di ieri con i pezzi esposti in via della Lungaretta, nel tratto compreso fra piazza S.Apollonia e piazza S.Maria in trastevere. Oggi attraversiamo rapidamente la piazza piu importante e bella del Rione ed imbocchiamo via della Paglia. Lì incontriamo i nuovi pezzi. Accanto al contributo di Mr. Minimal per la campagna di sensibilizzazione “Io non mi lascio fragare” (vedasi murale al giorno 246 del 12 febbraio scorso) troviamo i nuovi pezzi, uno di Mr. Minimal e uno di K2m.

288a

288b

incontro ravvicinato

______________________________________________

Poco più in là. una splendida porta d’epoca che qui si intavvede a sinistra, fa da cornice naturale all’elegantissimo pezzo di Kortenius

288c

______________________________________

Tre metri più in la, questa esposizione di via della Paglia si chiude con un pezzo di Cara Carmina. Lei è una artista di origini messicane trapiantata da ormai molti anni a Montreal in Canada. Data una sbirciata al suo sito, abbiamo scoperto che ha una formazione mondiale; i suoi studi artistici iniziano a Città del Messico, poi si trasferisce a Firenze dove affina gli studi alla scuola di Alta Formazione nei Beni Culturali di Palazzo Spinelli per concludere il suo iter formativo alla New School for Design di New York. Il suo lavoro artistico è pura sperimentazione, utilizza tecniche particolari e qualsiasi mezzo: ad esempio la macchina da cucire usata come pennello ed il filo come colore; ed ecco che realizza pezzi unici di oggetti di arredamento (cuscini, poster, diorami) o articoli di abbigliamento per bambini (calze, vestitini) dove ritroviamo quei ritratti femminili dagli occhi inconfondibili, che fanno pensare ad quel bellissimo giocattolo che noi, di una certa età, avevamo da bambini: il caleidoscopio.

Il tratto pittorico di Cara Carmina è al contempo stravagante e molto semplice e forse per questo i suoi poster esposti nei vicoli di Trastevere attirano come una calamita l’attenzione del viandante che spesso abbiamo visto soffermarsi per coglierne l’immagine con il proprio telefonino.


288d

_____________________________________

Torniamo ora sui nostri passi; rientriamo in piazza S.Maria in Trastevere, la attraversiamo verso ovest ed andiamo a piazza S.Calisto; lì c’è un’altra esposizione; gustiamocela insieme!

288e

Cara Carmina

288f     288g

un po’ d’ambiente

288h

K2m

288i

K2m e Kortenius

288l

Cara Carmina e Mr.Minimal

Annunci

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /287

Siamo arrivati al terzo giorni di visita, nei vicoli di Trastevere, alla esposizione di opere nell’ambito del progetto KOOL & the BRAND di Nicola Guerra, docente di storia e società dell’Italia moderna sul linguaggio murale presso l’università di Turku in Finlandia; progetto che coinvolgendo artisti di tutto il mondo, dalla canadese Caracarmina ai finlandesi Kortenius e JJK, passando per gli italiani Mr.Minimal e K2m, per arrivare al francese Mimi the Clown, ambisce a sostenere l´arte libera e a metterla in contatto col mondo della comunicazione. Riprendiamo il discorso li dove l’avevamo lasciato ieri; da via della Scala, attraversiamo vicolo del bologna, quella strana strada a forma di Y, imbocchiamo via Benedetta e giungiamo, in un batter d’occhio, in via del Moro. Li troviamo il primo pezzo di questa sera, realizzato da Kortenius, eccolo:

 

287a

_______________________________________________

Percorriamo tutta via del Moro e giungiamo in piazza di S.Apollonia, lì è esposto un simpatico poster di Caracarmina:

287b

______________________________________

Un altro passo e siamo in via della Lungaretta; lì l’esposizione è collettiva: accanto al pezzo di Mimi the Clown che abbiamo presentato nel murale al giorno 270 del 17 aprile scorso, ci sono i pezzi di Caracarmina, JJK, Mr.Minimal e K2m, che poi vediamo nei dettagli.

287c

via della Lungaretta

287d

turisti interessati

_________________________________

287e

incontro ravvicinato con il pezzo di K2m

K2m che si autodefinisce un tipo solitario e malinconico, è un artista visionario con la passione sfrenata per le immagini. si affaccia nella scena della street art romana approcciandosi inizialmente alla sticker art e bombardando letteralmente la capitale. Successivamente si dedica ai poster e si concentra sui muri, dove espone i suoi numerosi skaters e le sue silhouette a collage. La capitale risulta letteralmente invasa, ma chi ha la possibilità di viaggiare troverà tracce del suo passaggio non solo da Torino a Palermo passando per Bologna e Firenze ma anche all’estero.

______________________________________________

287f

Pier Paolo Pasolini visto da JJK

_____________________________________

287g

il pezzo di Caracarmina

___________________________________

287h      287i

ci si sofferma ad ammirare e fotografare le opere

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /286

Continuiamo il nostro viaggio attraverso i vicoli di Trastevere alla scoperta delle opere esposte dal gruppo di artisti che stanno appoggiando il progetto culturale di Nicola Guerra, alias Nicgue69, di cui abbiamo parlato nell’articolo di ieri (Murale al giorno numero 285).

Uno dei due artisti romani è  il creatore di Mr. Minimal. Lui, che noi siamo abituati ad identificare proprio con il suo personaggio, sin da bambino si appassiona all’arte (ma anche ai Lego e ai dinosauri). Grazie alla madre si avvicina giovanissimo alla pittura e inizia a imbrattare tele, a disegnare. Frequenta il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti (anche se non termina il percorso di studi); si diletta di bricolage e ascolta molta musica. Nel 2003 da vita a Mr. Minimal ed iniziano un percorso grafico e concettuale continuamente alimentato da uno sguardo ironico, dissacrante, comunque partecipato, sulle scene del nostro vivere quotidiano. E’ ritenuto uno dei più originali e frizzanti elementi della scena artistica contemporanea romana e non  a caso è stato coinvolto nel progetto cultutale KOOL & the BRAND  di Nicgue69.

Passiamo ora alle immagini:

 

286a

Mimi the Clown, Mr. Minimal, Caracarmina e K2m, in vicolo della Renella 

286b     286c

K2m e Caracarmina in particolare

_____________________________________

286d

Kortenius in vicolo del Cinque

_______________________________

286e

Mr. Minimal e K2m in via della Scala

__________________________________________

286f

sempre in via della Scala, Mr. Minimal, K2m, Mimi the Clown, Caracarmina e Kortenius

286g     286h

i pezzi di K2m e Caracarmina visti da vicino

286i

il pezzo di Kortenius in dettaglio

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /285

Dopo tre giorni di arresto forzoso riprendiamo il nostro viaggio attraverso la cultura dell’arte pittorica di strada per le vie di Roma.

L’intervento di Mimi the Clown ha provocato, più che una reazione, il risveglio degli street artist romani che, nei giorni scorsi, supportati anche da una eclettica artista canadese, hanno dato luogo ad una vera e propria esposizione, sempre per i vicoli di Trastevere, di una miriade di poster. Facendo una scrematura preventiva (evitando di presentare più pezzi dello stesso poster) vi presentiamo i pezzi di Cara Carmina, K2m, JJKNicgue69 (Nicola Guerra), Mr. Minimal e Kortenius, passando anche attraverso opere lì da tempo, ad esempio di Clet, di Mz, di Otom……………..

Volevamo iniziare così questo nostro articolo odierno sulla street art romana, ma abbiamo avuto la fortuna, diremo sfacciata, di riuscire a contattare uno degli artefici della cosiddetta recente murata di Trastevere.

Ed abbiamo scoperto, per esempio, che la performance di Mimi the Clown non era altro che la punta dell’iceberg che stava arrivando.

Il tutto coordinato da Nicgue69, che partito da Roma con le idee chiare sulla street art italiana, è approdato all’università di Turku in Finlandia ed è diventato professore di storia e società dell’Italia moderna sul linguaggio murale (L´italiano controegemonico. Aspetti sociolinguistici del graffitismo a Roma – pubblicando vari studi accademici sul linguaggio dei graffiti, inclusi quelli dei radicalismi politici). Lui è il fondatore di KOOL & the BRAND che ambisce a sostenere l´arte libera e a metterla in contatto col mondo della comunicazione. Sulla base del suo progetto culturale, Nicgue69 ha deciso di coordinare la discesa a Roma di artisti finlandesi (Kortenius, che ha disegnato la figlia di Nicgue69 che più avanti vedremo sull´altalena e la moglie che fuma la cicca), JJK che ha realizzato ritratti di persone della cultura (Pasolini tra questi), Mimi the Clown (suo amico e artista impareggiabile dalla Francia) e Caracarmina artista messicana dal Canada.

Per l’occasione trasteverina sono stati coinvolti anche due artisti romani, K2m e Mr.Minimal, ritenuti il risvolto giovane e frizzante della street art romana.

Globalizzando le varie “artisticità” questi artisti hanno portato l´arte contemporanea a Trastevere unendo la storia dell’arte col presente e il futuro dell’arte stessa. Si sono conosciuti, hanno condiviso idee e critiche e hanno permesso a Roma stessa di respirare aria nuova, crescendo loro stessi artisticamente.

Per approfondire la conoscenza del progetto di Nicgue69 il frequentatore di FotografiaErrante può recarsi a questo indirizzo:

https://www.academia.edu/4917666/L_italiano_controegemonico._Aspetti_sociolinguistici_del_graffitismo_a_Roma

Passiamo ora, come di consueto ad una carrellata dei pezzi esposti per le strade di Trastevere; buon godimento!

285ac

Caracarmina in via Emilio Morosini

____________________________________

285aa     285ab

Caracarmina in via Roma Libera

__________________________________________

285ad

285af     285ae

JJK in via Roma Libera

____________________________________

285ag

285ai     285ah

Caracarmina in via della Pelliccia (notare nell’immagine di destra il cartello stradale modificato da Clet)

______________________________________________________

285al

K2m in via della Pelliccia

____________________________________________________

285am

K2m, Mr. Minimal e Caracarmina in via della Pelliccia

285an     285ao

particolari

________________________________________________

285ap

Mr. Minimal in via della Pelliccia

_________________________________

continua………………………………….

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /283

Dedichiamo un terzo murale al giorno all’artista francese Mimi the Clown, che ha invaso bonariamente i muri di Trastevere. I suoi poster sono diventato ormai ricercatissimi da parte di un sacco di gente che armata di macchina fotografica (in tutte le salse) percorre vicoli e vicoletti del Rione, si sofferma davanti all’opera scovata e fa scatti a ripetizione. Anche noi facciamo parte di quel gruppo e dopo averne fotografati un altro bel gruzzoletto, questa sera lo mostriamo ai frequentatori del progetto FotografiaErrante. Ne abbiano lasciati un paio da parte, due gioiellini esposti di recente dall’artista e ci riserviamo di tornare nuovamente sull’argomento, magari quando (ci è giunta voce in tal senso) Mimi tornerà a Roma e riprenderà a girovagare per la città.

Qui siamo in via Emilio Morosini

280a

280b     280c

280d

______________________________________

Poco più avanti, nemmeno trenta metri, ed ecco un altro pezzo in via Roma Libera; questa volta con l’artista c’è Elvis

280e

280g

chi è attratto

280h

chi fa finta di niente

____________________________________

Qui siamo in via Natale del Grande, forse Mimi sa; ha esposto proprio su quelle porte tristemente chiuse di quello che una volta fu un glorioso cinema. Caduto nell’oblio della società contemporanea, il cinema America ha vissuto una breve stagione di riscatto; occupato nel 2012, dopo 14 anni di assoluto degrado, da un gruppo di giovani trasteverini per sottrarlo alla peggiore delle speculazioni edilizie che lo voleva trasformare in un alveare di monolocali di lusso e due piani di parcheggi, furono attivate una miriade di azioni di interesse culturale. Di pari passo si attuarono iniziative che coinvolgessero il ministero dei beni culturali al fine di dichiarare l’edificio di interesse storico-culturale così da impedirne la demolizione e si raccolsero fondi per iniziare un minimo restauro conservativo del cinema che quando pioveva, letteralmente, faceva acqua da tutte le parti. Quella breve esperienza ebbe fine a seguito dello sgombero forzoso da parte della forza pubblica su richiesta della proprietà che ancora è intenzionata a trasformare quel pezzo di storia del Rione in una vorace speculazione edilizia. Solo una delle porte del cinema America porta ancora  tracce della occupazione: per sbarrarla è stato utilizzato parte del tavolato che porta un pezzo dell’opera “Iic Sunt Leones” realizzata da Gojo che presentammo ai frequentatori del progetto FotografiaErrante con l’articolo del 6 novembre 2014.

280i

l’opera di Mimi the Clhown esposta ssu una porta del Cinema America

280l     280m

incontro ravvicinato con i personaggi

280n     280o

 280p

280q

l’ambiente

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /278

Secondo incontro ravvicinato con Mimi the Clown, l’artista francese che ha scelto come salone espositivo il Rione Trastevere, frequentatissimo, e di turisti e di Romani. Non di rado si incontra gente che si sofferma a fotografare i suoi poster e che non disdegna di essere fotografato a sua volta in posa vicino alle opere. Per oggi accontentiamoci di tre pezzi, Il primo lo abbiamo trovato in via di S.Calisto; l’artista si è fatto ritrarre in compagnia di Sid Vicious il compianto bassista dei Sex Pistols.

278a

Ed ora facciamo un po’ d’ambiente:

278b     278c

278e     278f

Gli altri due pezzi, costituiti ambedue da autoritratti dell’artista si trovano, il primo nascosto in via del Politeama, l’altro in vicolo del Cinque:

278g

in via del Politeama

278h

in vicolo del Cinque

IMG_2768

in posa per “Il Fotografo”

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /270

Oggi giornata di grande Murale al Giorno, ma sarebbe più giusto parlare di “Tanti murales al Giorno”. Sì, perché oggi, concedendoci una sobria pedalata tra i vicoli di Trastevere, avvisati preventivamente dal nostro grande informatore, abbiamo scovato una serie di opere ” a tema” realizzate dallo street artist, se non sbagliamo francese, che risponde al nome di “Mimi the Clown“. Si tratta di una serie di eleganti poster che hanno tutti un soggetto in comune, l’autoritratto dell’artista, di volta in volta, tranne che in due casi dove appare da solo, in compagnia di personaggi più o meno famosi, come lui corredati di un simpaticissimo naso a pallina rosso caratteristico di un clown. Bonne vision!

270.1a

pezzo n° 1

270.1b

nell’ambiente

______________________________________

270.2

pezzo n° 2

______________________________________________

270.3a

pezzo n° 3 con Freddie Mercury

 270.3c     270.3b

270.3d

nell’ambiente

_____________________________________________________

270.4a

pezzo n° 4 con Andy Warhol

270.4b     270.4c

270.4d

270.4e     270.4f

nell’ambiente

______________________________________________________

270.5a

pezzo n° 5 con David Bowie

270.5b

nell’ambiente

_______________________________________________________

270.6a

pezzo n° 6 con Keith Richards (forse) e Mick Jagger

270.6b

nell’ambiente (nella parte destra si intravvede un buon pezzo sul quale indagheremo in un prossimo futuro)

________________________________________________________

270.7a

pezzo n° 7

270.7b     270.7c

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /259

Restiamo anche oggi in via di Porta Portese. Lì, su quel quel muro, oltre all’opera di Robocoop presentata ieri, abbiamo trovato una madonna realizzata da Ex Voto. Si tratta della “Santa Madonna della Cinematografia” (luci, motore, azione e…. così sia). Ha trovato alloggiamento in una cornice naturale del lungo muro che viene spesso utilizzato, da parte degli artisti, per presentare le loro opere; ricordiamo la magnifica opera di Zilda apparsa nel 2012, la Pietà Pasoliniana dello scorso anno, così come il “faccione” di JBRock  ancora presente.

259a

l’opera di Ex Voto

259aa

l’ambiente

259c

l’opera di JBRock

259d     259e

259b

il via vai

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /258

L’opera che presentiamo oggi è apparsa da un paio di giorni in via di Porta Portese a Trastevere, di fronte a Largo degli Ascianghi, dove c’è uno dei cinema più famosi della Roma Culturale, il “Nuovo Sacher”.

Il muro non è nuovo a solenni esposizioni, basta citare il faccione di JBRock, ormai a tutti gli effetti cittadino stabile di quell’arcata ricavata nella parte destra del lungo muro, intoccato ed intoccabile, la Pietà Pasoliniana di Ernest Pignon-Ernest (vedi Murale al Giorno numero 184 del 17 maggio 2015) che ha avuto meno fortuna ed è ormai scomparsa.

Veniamo ora all’argomento del murale di oggi; si tratta di un poster, un pezzo dalle dimensioni enormi, sei metri per tre; gli autori sono il collettivo Robocoop che ama rivisitare grandi dipinti, specie del Rinascimento, aggiungendovi ad arte elementi architettonici propri dell’età contemporanea. (vedasi in proposito i Murali al Giorno numero 129 e 130 rispettivamente del 6 e 7 febbraio 2015, 203 del 14 giugno 2015 e 242 del 29 gennaio u.s.).

L’opera di oggi presenta il bellissimo quadro, “Costruzione di un edificio”, realizzato da quel genio fiabesco che risponde al nome di Piero di Cosimo, fiorentino, pittore eccentrico vissuto a cavallo dei secoli XV e XVI. Il quadro, di proprietà del The John and Mable Ringling Museum of Art di Saratoga in Florida, mostra una gru con l’argano mosso da una ruota con la quale viene issata una statua sulla balaustra della balconata dell’edificio in costruzione. È un esempio di macchina da costruzione più complessa che viene raffigurata da Piero di Cosimo insieme agli attrezzi più comuni: squadre, compassi, trivelle, tenaglie, succhielli, sgorbie, asce e per il lavoro degli scalpellini: mazzuoli, mazze, bocciarde, scalpelli, verghe.

Nella rivisitazione del collettivo Robocoop, l’edificio in costruzione viene sostituito dal moderno Edificio delle Poste costruito nel 1935 in via Marmorata a Roma, Rione Testaccio (poco lontano dal muro espositivo), su progetto dell’architetto Adalberto Libera, leader del movimento italiano di architettura razionale.

Libera, famoso anche per essere il padre del Palazzo dei Congressi dell’EUR di Roma, nella progettazione degli edifici, non lasciava nulla al caso; per prima cosa l’edificio doveva rispondere in pieno alle esigenze della sua funzione, poi doveva essere esposto secondo l’asse che gli permettesse di sfruttare al massimo la luce ed il calore irradiati dal sole, essere quindi perfettamente rispettoso dei rapporti geometrici e della stessa sezione aurea. Nel palazzo delle poste molto particolari sono i motivi ad incrocio di diagonali delle due parti estreme dell’edificio e gli conferiscono un’eleganza straordinaria.

Vediamo ora come si presenta l’opera realizzata da collettivo Robocoop

258a

l’opera

258b     258c

258d     258e

particolari

__________________________________________

258f

l’ambiente espositivo, reale

258g

l’ambiente espositivo, come sarebbe potuto essere

______________________________________________

258i

258l     258m

visitatori 

Arte da Rubare /2

Per chi non lo avesse già fatto, o per chi lo avesse dimenticato, si vada a leggere l’articolo del 14 luglio scorso, dove parlavamo dello street artist Canz e della sua idea futurista dell’arte a disposizione della gente, da prendere a fare propria, una vera e propria “Arte da rubare”.

In tal senso, negli ultimi tempi, hanno avuto luogo, nel rione romano di Trastevere, delle vere e proprie istallazioni artistiche in cui Canz ed altri suoi colleghi, Zeitwille Zeit e Emmexyz (costituitisi in Collettivo Arte da rubare); hanno rilasciato delle opere che chiunque poteva fare proprie. E’ accaduto anche che un’opera, inizialmente posta in un luogo, fosse stata spostata da ignoti in un altro sito poco distante insieme al piccolo faretto che completava l’istallazione.

Orbene, oggi nel corso di una nostra visita al rione Trastevere, per l’appunto ci siamo imbattuti in un’altra opera di Canz che, in piazza Trilussa, faceva mostra di se. In ottemperanza al desiderio dell’artista l’abbiamo temporaneamente fatta nostra e in un prossimo futuro, molto vicino, sarà data in custodia al conservatore definitivo che sarà da noi individuato.

2.1

l’opera nella cornice prescelta dall’artista

2.2

visione d’ambiente

2.3     2.4

la presa di possesso

2.5

rilievo fotografico