Gaia

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /277

Oggi siamo andati a Tormarancia per fotografare lo street artist americano Gaia che sapevamo stava realizzando un grande murale sulla parete di una scuola. E lì lo abbiamo trovato, su in alto, intento al suo lavoro:

277a

Gaia all’opera

Quell’istituto è un liceo artistico; avvicinandoci alla recinzione abbiamo beccato un gruppo di studentesse, intente a decorare quel piccolo muro che si vede li a destra nell’immagine precedente. Interpellate ci hanno confermato di essere allieve del Liceo Artistico “Caravaggio” e alla nostra richiesta se avessero mai fatto un murale “illegale” in giro per la città, ci hanno candidamente risposto: “Non ancora, siamo ancora troppo giovani!”. E questo è veramente un buon segno.

Poi ci siamo guardati un po’ intorno e abbiamo deciso di dedicare anche a loro questo murale al giorno, presentando le loro piccole ma significative opere che stavano realizzando, proprio allora mentre Gaia, famoso e blasonato, stava facendo il suo murale; questo perché quei piccoli pezzi  incastonati in quel lungo muro, stracarico dei colori di tutto lo spettro, ci hanno favorevolmente colpito. In quelle immagini abbiamo riconosciuto un Hoek in erba, un Groove in erba, un  K2m in erba, un Gojo in erba, un Valerio Paolucci in erba; il futuro della cultura di strada insomma!

Le ragazze intente al loro lavoro

277f

277c

277d

277e

____________________________________________

Le opere già realizzate

277g

277h

277i

277l

277m

277n

277o

_____________________________

Ah, dimenticavamo, a far loro compagnia c’era anche un simpatico cane

277p

Annunci

Shanghai /3

Siamo al terzo appuntamento con le case popolari di Tormarancia. Questa sera presentiamo altre due opere realizzate da due street artist stranieri,  Gaia, statunitense che ha già realizzato diverse opere, ne ricordiamo due, la prima, imponente, in via Ostiense, alle spalle della fermata metro S.Paolo, l’altra nella galleria di accesso alla fermata metro “Spagna” della linea A della Metropolitana Romana. Il secondo artista è Reka, che fa spola fra l’Australia, suo paese natale, e Berlino. La sua forza artistica sta nell’uso sapiente dei colori; egli riesce ad ipnotizzare l’osservatore trascinando il di lui sguardo sulla figura chiave dell’opera da cui sembra uscirne tridimensionalmente.

3.1

l’opera di Gaia

3.2

l’ambiente

 3.3

3.4

l’opera di Reka 

3.5     3.6

l’ambiente                   –               un particolare

3.7