Kij

Leo Moroh al Red Lab

Entriamo per la decima volta, e vi assicuro che non sarà l’ultima, al Red Lab; ricordate? E’ quel centro di aggregazione sociale che opera al Quarticciolo, zona carica di storia del quartiere Alessandrino, nel quadrante est della città di Roma. Nel corso delle nostre precedenti visite abbiamo visto questo luogo riempirsi di opere di street art, tra le più eleganti, luminose e pulite del panorama artistico contemporaneo di Roma. Mi dilungo ad elencare gli artisti che hanno lasciato il segno al Red Lab come riconoscimento della bontà delle loro opere, citandoli per la temporalità nella realizzazione delle stesse, iniziando da Aladin con il suo immenso muro per augurare alle donne di Kobane una vittoria contro l’oscurantismo, passando per Bol 23, Eukary ota, Cancelletto, Alt97, Tilf, Daniele Bernardini, Giulia Alvear Calderon, Poki, Kij, Gojo.

Questa volta ci siamo andati per seguire il lavoro di un grande maestro che risponde al nome di Leo Moroh; di lui abbiamo presentato l’opera realizzata al Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz (murale al giorno numero 113 del 21 dicembre 2014) e quella realizzata al Lucernario occupato (murale al giorno numero 22 del 22 luglio 2014), quest’ultimo purtroppo sgomberato dalla forza pubblica su disposizione del becero rettore dell’Università La Sapienza. Leo, di Civitanova Marche, è un ragazzo che ha battuto tutti i record artistici (corre voce che abbia imparato a disegnare ancor prima di parlare) vincendo fin da bambino innumerevoli concorsi; in questi ultimi tempi ha lavorato ad un progetto di recupero estetico di una delle zone più grigie di Milano, via di Porta Ticinese che lui ama chiamare Via dell’Ironia.

Di Leo, così giovane che anche noi non smettiamo di meravigliarci per il suo grande bagaglio culturale ed artistico e per la sua raffinata ironia, possiamo dire che il suo stile è in continua evoluzione, si richiama ai classici ma allo stesso tempo reagisce a questa sua tendenza attraverso una continua vena sperimentale.

Al Red Lab, Leo ha aggredito e domato parte del soffitto realizzando un opera da lui intitolata “Assunzione dal margine” che ci porta col pensiero alla pittura del cinquecento rivisitata in chiave postmoderna.

Nella sequenza fotografica che vi andiamo a mostrare abbiamo individuato tre momenti: il primo quello dell’impatto visivo; vi mostreremo alcune immagini panoramiche dell’opera in divenire (ricordiamo che è su di un soffitto a volta) vista sui lati. Nel secondo momento ci dedicheremo ad alcuni particolari significativi; con la terza fase, invece, ci soffermeremo proprio sull’artista nel senso che coglieremo i momenti più intimi del rapporto fra lui e l’affresco come quando sembra che, con il suo far roteare il pennello, egli voglia ambire ad entrate fisicamente nel corpo del personaggio.

Fase 1a: abbozzo della parti

_MG_4450_stitch-Modifica

_MG_4545

_MG_4529_stitch-Modifica

Fase 1b: L’opera terminata

_MG_4585_stitch-Modifica

_MG_4587_stitch-Modifica

Fase 2: i particolari

_MG_4547     _MG_4559

_MG_4550     _MG_4551     _MG_4594

_MG_4553     _MG_4592

Fase 3: Rapporto artista-opera

_MG_4464

_MG_4465     _MG_4466

 _MG_4560     _MG_4568

_MG_4575

Annunci

Red Lab, stiamo terminando i muri, fra poco toccherà ai soffitti

Il Red Lab non finisce mai di stupirci! Ricordate? Siamo al Quarticciolo, famosissima zona del quartiere Alessandrino di Roma; tra il 1943 ed il 44 insieme ad altri tre quartieri, il  Quadraro (nido di vespe), Centocelle e Torpignattara, il Quarticciolo fu protagonista della Resistenza contro l’occupazione Nazi-Fascista di Roma. Questa era così intensa che i tedeschi ed i loro complici fascisti spesso rinunciavano ad addentrarsi per le vie della zona a causa delle continue scorribande partigiane.  Solo meno di due mesi fa i ragazzi del Red Lab si sono rimboccati le maniche ed hanno realizzato la bonifica di un locale che sarà adibito a sportello sociale al servizio della collettività sito al piano seminterrato di un edificio occupato e divenuto una realtà abitativa.

Dopo l’ultima visita per documentare l’opera realizzata da Alvear Calderon sono arrivati due altri Street Artist, provenienti da Catania e si chiamano Poki e Kij. Pochi colori, solo il bianco e il nero, ma tanta luce, questo è il denominatore comune di questi due artisti, mentre il minimo comune multiplo è quello di esprimersi attraverso l’arte concettuale. Le loro opere entrano di diritto nel catalogo di quel raffinatissimo museo di arte contemporanea che ormai è divenuto il Red Lab (ripercorrete murale al giorno numero 87, 89, 91 ed articoli specifici del 7, 26, 27 novembre e 22 dicembre).

Purtroppo, per l’esiguità degli spazi disponibili, tra poco ci sarà, dal punto di vista murario, il tutto esaurito; si dovrà procedere ad affrescare anche i soffitti (e per questo sono in corso contatti con  uno street artist esperto in tinte calde, ……. nato e morto almeno una settantina di volte, che trascina ed estende il suo mondo pittorico, illustrativo, idiomatico, sin dall’infanzia fino a emergere dallo sconosciuto inaugurando la Via dell’Ironia…. e speriamo si renda disponibile!), solo allora potremo dirci soddisfatti!

_MG_3395_stitch-Modifica

l’opera di Poki

_MG_3383

l’opera di Kij

E restiamo con gli occhi ben aperti per cogliere ulteriori sviluppi…

_MG_3388

_MG_3389

_MG_3387

tre particolari delle opere di Eukary ota, Aladin e Alt97 presenti al Red Lab