Napal Naps

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /264

Risaliamo in attimo in superficie e prendiamo nota di alcuni murales, uno storico, gli altri recenti, che sono dipinti sulle pareti e della piazza d’armi, e dei passaggi bui tra una zona e l’altra del Forte; sì perché anche oggi e domani saremo sempre in visita al Forte Prenestino!

264a

questo murale è stato realizzato per commemorare Tromh, il compianto artista che ogni anno viene ricordato a Monterotondo con  una superba “Jam Session” 

e a proposito di commemorazione di Tromh, approfittiamo per presentare un omaggio a “King Tromh” tributatogli da Mr. Thoms; l’opera è custodita sul muro esterno di una chiesa, sembra costruita abusivamente e subito dopo andata a fuoco, in un piccolo comune dell’area metropolitana di Roma Capitale.

264aa

l’opera di Mr. Thoms

___________________________________

264b

nella parte sinistra del  muro, opera di Yuri; siamo nella piazza d’armi del Forte Prenestino

264c

——————————————–

264d

pezzo dedicato agli artisti Napal Naps, Bol 23 e Solo

264e

—————————————–

le due opere che seguono sono custodite sulle pareti del cunicolo di accesso alla “sala da tea

264g

264h

Annunci

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /248

Avevamo messo in serbo l’articolo per oggi ultimo giorno del mese di febbraio, perché per noi ha sempre rappresentato l’ultimo giorno di inverno, non tanto per il freddo che normalmente arriva proprio allora, ma quanto per il fatto che il giorno successivo è marzo, e marzo si sa, è la primavera; poi le giornate si sono ormai allungate quel tanto che è lecito pensare che la strada sia tutta in discesa. Quindi quale occasione migliore per presentare una esplosione di colori artistici emersi dalla grande manifestazione (The Jam2) tenutasi il 3 ottobre scorso per commemorare Crash Kid.

Crash Kid, al secolo Massimo Colonna, è stato il pioniere della breakdance italiana ed uno dei figli più generosi della scena Hip Hop; cominciò la sua attività giovanissimo, a solo 12 anni era membro della Special Breaking Crew. Morì giovanissimo all’età di 26 anni.

I suoi amici di allora e quelli più giovani, che non lo hanno conosciuto ma che idealmente a lui sono vicini, si sono ritrovati nel passaggio laterale del ponte ferroviario della stazione di Roma Trastevere che sovrappassa le vie Portuense e Ettore Rolli (nessuno sa quale sia l’una e quale l’altra) ed hanno realizzato, proprio per ricordare Massimo, delle meravigliose opere di street art. Eccovene qualcuna:

n.b. volutamente non citiamo la paternità delle opere perché il 3 ottobre il quel piccolo sottopassaggio c’erano tutti, anche quelli che non erano potuti intervenire.

 

Parte prima: le opere

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

Parte seconda: il custode del muro espositivo

16

17     18

19

Parte terza: presenze

21

22

23

24

25

26

27

28

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /236

Torniamo un’altra volta sulla pista polivalente del Parco delle Energie per coronare esaustivamente la visita iniziata con il murale al giorno numero 234 del 9 gennaio scorso. Avevano tralasciato di presentare due pezzi di notevole fattura che richiamano tempestivamente l’attenzione del viandante per la loro esuberanza cromatica.

La prima è un’opera di Clown:

236a

La seconda opera è stata realizzata da Napal Naps; particolarissimo e personalissimo il suo prodotto pittorico di particolare corposità; viene naturale immaginarselo davanti una tela a dare di spatola per realizzare volti trasognati in un ambiente multicolore costellato di tracce floreali.

236b

l’opera di Napal Naps

236d     236c

236e

sopra: alcune visioni d’ambiente