Andy Green

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /217

Nel il murale al giorno numero 189 del 23 maggio scorso accennammo al festival YOUTH MARKET, manifestazione di street art che coinvolse una folta schiera di artisti che cambiarono, nel corso di un fine settimana, il volto del mercato Appagliatore di Ostia, città nella città, sezione rivierasca della Capitale. Iniziamo questa sera una rapida carrellata delle opere esposte sui muri di quel mercato. Gli artisti sono, nell’ordine,  ADR, Nicola Alessandrini, Guerrilla Spam, Gesta Future, Andy Green e Solo

217b

ADR

—————————————–

217c

Nicola Alessandrini

——————————————————

217e

Guerrilla Spam

————————————–

217f

Gesta Future

——————————————–

217g

Andy Green

——————————————

217a

Solo

———————————————

Annunci

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /209

Questa sera vi presentiamo un piccola perla apparsa, oltre un anno fa, su un muro defilato di Roma; si tratta di uno splendido poster realizza da Andy Green, artista eclettico e molto riservato; lo abbiamo tenuto da parte per far sì che l’opera resistesse, più che al tempo, all’avidità degli uomini. Fino ad un paio di mesi fa ancora campeggiava nel sito ove sapientemente era stato esposto, tra un elegante muro di mattoni e rifiuti di menti ignoranti. Siamo nel quartiere Montesacro, all’incrocio fra via Ettore Romagnoli e Via Nomentana. Buona visione!

209a

l’opera

209b

l’ambiente

Ritorno al luogo ai confini della realtà /5

L’artista che presentiamo questa sera, anch’essa partecipante all’escursione nella fabbrica abbandonata dagli uomini,  ha una particolarità: quando attacca un muro non perde un attimo di tempo; superconcentrata non si fa distrarre da nulla e porta a termine la sua fatica in un battibaleno. Inoltre è molto attenta alle situazioni e sfrutta ogni dettaglio dei fenomeni ambientali con cui entra a contatto. Pittrice di origini siciliane, tra l’altro raffinatissima e creativa fotografa, dalle spiccate doti naturali fin dall’infanzia, ha affinato la sua cultura artistica a Torino, il suo nome d’arte è Rox Piridda. Nella sua trasferta romana è entrata immediatamente a contatto con il fantastico mondo dell’arte da muro ed ha realizzato un cospicuo numero di murales che avremo l’occasione di mostrare, nel breve futuro, ai frequentatori del progetto “FotografiaErrante”. Rox, nella vita, si occupa di disabilità; comunica con l’ambiente che la circonda attraverso la pittura e la musica, cercando in tal modo di rendere partecipi gli altri delle proprie esperienze.

L’attacco al muro:

1     2

——————————————-

4

l’opera di Rox Piridda

5     6

un particolare e l’opera in perfetta armonia con quella realizzata da Marcy

Nel secondo attacco Rox Piridda approfitta di una nicchia ricavata in una grande parete:

7

La nicchia che viene trasformata in stanza espositiva in un perfetto gioco di prospettive:

8

la seconda opera di Rox

9     11

10

i tre particolari costituenti l’opera

Grazie alla rapidità con cui pensa le opere e le realizza, mentre i suoi colleghi sono intenti a ad apportare ritocchi ai loro murales, Rox può concedersi di gironzolare per il sito e trarre ispirazione da particolari scenari esistenti; si appoggia ad un autoritratto preesistente per inserire il suo motto ” N’Fatti “

12

la terza opera di Rox

o materializza una “Cyberdonna” innamorata su una solitaria parete d’un altrettanto immacolato grande ambiente:

13b

il quarto murale di Rox Piridda

O ancora si appoggia ad una parete dotata di porta per farla diventare una perfetta scatola cinese:

14

Rox all’azione

15

l’opera, la quinta

16b

oltre la prima porta

17

attraverso la seconda porta

Infine, dipinge un uccello dalle sembianze indecifrabili, ma pulcinotto, che viene sostenuto nei sui primi passi da un elefante, un’opera già “in situ” realizzata dallo street artist Andy Green (murale al giorno numero 31 del 31 luglio 2014):

18

la sesta opera di Rox

19

inserita nell’ambiente

Spin Time Labs – Una realtà sociale al centro di Roma /8

In questi giorni siamo tornati allo Spin Time Labs, lo spazio sociale della realtà occupativa di via S.Croce in Gerusalemme, a Roma nel Rione Esquilino. Ci siamo andati a vedere l’istallazione da parte dello street artist Andy Green della propria opera, una splendida immagine femminile ottenuta secondo un procedimento tecnico-artistico personalissimo partendo da una semplice fotografia; ed a proposito di quest’ultimo aspetto dobbiamo riconoscere a Green delle ottime qualità anche nel campo della ripresa fotografica. Vi proponiamo in visione la sua opera:

8.1

Nelle due immagini successive l’artista procede alla istallazione delle varie parti che compongono il poster coadiuvato da due validi collaboratori:

8.2     8.3

Un’altra opera presente allo Spin Time Labs, realizzata anch’essa recentemente e quella di Alice Pasquini che ora vi mostriamo:

8.4

l’opera

8.5

primo piano della modella

Il lettering del parcheggio auto alla fermata Villa Bonelli

Nella fermata “Villa Bonelli” della Ferrovia Metropolitana FR1 d Roma c’è un parcheggio abbandonato a se stesso, brutto ed isolato nonostante si trovi dentro la città; siamo nel quartiere della Magliana di Roma. Per fortuna, a far sembrare meno spaventoso questo posto, c’è un muro libero, uno di quei muri che il comune di Roma ha messo a disposizione di chiunque voglia esprimere il proprio pensiero con una bomboletta! E qui gli artisti romani, per intenderci quelli che si richiamano alla corrente del “Lettering”, la più ancestrale e pura forma di arte pittorica di strada, convergono spesso e, accostando sapientemente colori primari o colori complementari, realizzano opere che non passano inosservate nemmeno al più distratto dei viandanti. Io amo passare spesso in quel luogo anche perchè le opere restano esposte (sì questo è il termine giusto) relativamente poco in quanto vengono rapidamente sostituite da nuovi murales.

Quella che presentiamo questa sera è una serie di opere fotografate nel corso di più visite e mi è sembrato di capire che qualcuna di loro è già stata coperta da un’altra opera ma si sa, la street art a volte sa essere molto effimera e forse questo è il suo fascino!

Dimenticavo di dirvi che tra queste opere di lettering scorgerete anche un bel poster realizzato dallo street artist Andy Green, che spesso ama intrufolarsi per esporre in questo sito. Buona visione!

_MG_9520_stitch

_MG_9528_stitch

_MG_9538_stitch

_MG_0529

_MG_9548_stitch

_MG_0523_stitch

_MG_0515

sopra, l’opera di Andy Green  –    sotto, la stessa inserita perfettamente nell’ambiente Lettering

_MG_0528_stitch

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /31

Oggi è l’ultimo giorno di Luglio; da domani 1 agosto ci godiamo le meritate ferie. E mentre ce ne andiamo in vacanza, passiamo a Ferentino, ridente cittadina della Ciociaria, e ci imbattiamo in un luogo misterioso, fatto apposta per farci sentire un brivido lungo la schiena. Entriamo titubanti e ci imbattiamo in due murales realizzate da due street artist romani in trasferta.

Il primo è Mister Thoms e questa è la sua opera:

_MG_8916-Modifica     _MG_8917

 Il secondo è Andy Green questa è la sua opera:

_MG_8921_2_3_4

Questo è solo l’assaggio delle potenzialità di questo luogo misterioso; speriamo, a brevissimo, di potervi fare ritorno e fotografare altre opere che street artist avventurosi vi realizzeranno.

____________________________________________

Buone vacanze a tutti coloro che seguono questo progetto. “Un murale al giorno” tornerà dopo ferragosto e ci accompagnerà, dritto dritto, alle feste di Natale.

Non mancate però di sintonizzarvi sulle ali di “FotografiaErrante” perché prima di Ferragosto faremo la conoscenza di un artista “sui generis”, sicuramente prossimo street artist, che appartiene alla corrente dell’Iperrealismo.

Subito dopo vi presenterò un gruppo di street artist sudamericani, i “Tiuna el Fuerte” venuti di recente per la prima volta in Italia: vi affascineranno con le loro gioiose esplosioni di colori.

Progetto COLLA

Colla è un’idea dell’artista Andy Green, e nasce con l’intento di dedicare particolare attenzione a due ramificazioni della street art: la sticker art e la poster art. Il mese precedente all’evento é stata aperta una call su facebook dedicata agli artisti di tutto il mondo per far si che inviassero i loro posters e stickers. L’adesione é stata massiccia, ne sono arrivati da Messico, Stati Uniti, Francia, Olanda, Spagna, Brasile, Svizzera, Italia, Serbia e da tanti altri paesi. Alcuni dei partecipanti sono tra i più esperti del mondo degli stickers come i Vidalooka o Glue Squad, altri come Alejandra Mendoza si sono cimentati per la prima volta in una versione sticker delle loro opere.

Per riuscire nell’intento di far conoscere meglio, sia ad un pubblico già “esperto”  che ai neofiti queste due tecniche, l’organizzazione ha deciso di dividere l’evento in due parti:

– Mostra permanente di un mese (1 giugno- 1 luglio) presso il locale Xn Officine (Via dei Dalmati 15 San Lorenzo). All’interno del locale sono stati esposti 23 pezzi realizzati tutti su supporti riciclati o recuperati dalla strada, interamente ricoperti dagli stickers inviati dagli artisti e mescolati tra loro nel rispetto della tradizione dell'”attacchinaggio”, lasciare la propria firma o anche coprire quella di un altro. L’intento era quello di ricreare all’interno di uno spazio espositivo curato ciò che normalmente si vede in strada ma a cui spesso non si presta attenzione.

– Giornata conclusiva (29 giugno) dedicata all’affissione dei posters di tutti gli artisti partecipanti presso il muro legale concesso da Urban Act in Via Marilyn Monroe (zona Laurentina). Il luogo più adatto alla poster art è la strada, per questo è stato deciso di utilizzare questo muro cercando anche di restituire alla comunità uno spazio valorizzato. Con gli organizzatori hanno partecipato all’affissione Avatarmania, Mr.All, Kocore, Tutto Bene Art Studio e  Adr Artwor.

 _MG_8661

via Marilyn Monroe, zona Vallerano, estrema periferia sud di Roma, oltre i Grande Raccordo Anulare

Ed ecco nel concreto il resoconto della giornata di attacchinaggio delle opere

_MG_8593     _MG_8590     _MG_8589

Tutto bene Art Studio

_____________

_MG_8618                    _MG_8619

Glue Squad

_____________

_MG_8653                    _MG_8656

Standard 574

_____________

_MG_8613     _MG_8624     _MG_8626

Jes Time

________

_MG_8638

Alessio Bolognesi

_______________

_MG_8628   _MG_8648

                                   Glue Sqad                                        Runs

____________

_MG_8587     _MG_8598     _MG_8632

        Alessandro Di Vicino Gaudio                               Manco                                            Daria Marisi

_______________________________________________

3  2  1  10  8

12 7  6  5  4

Avatarmania – 10 splendidi particolari di opera unica

11

Avatar – opera in perfetto stile pop-art

__________________________

_MG_8633                    _MG_8635

Stelle Confuse

__________________

_MG_8646      _MG_8643

               Dosta Art                                                  Chandra Viola

________________________________________________

_MG_8649     _MG_8651     _MG_8654

                Runs                                              Guaro                                            H-Spry

_______________________________________________

_MG_8652

Omino 71

________________________________

A suggellare l’evento non poteva mancare, accanto alla poster art e alla sticker art, il painting vero e proprio. Si sono cimentati due artisti molto noti nell’ambiente dell’arte contemporanea romana: Bol 23 e Aloha Oe.

Aloha Oe – molti lo definisco il Banksy “de noantri”, forse perché ama ammantarsi di quell’aurea surreale ed enigmatica propria del più famoso street-artist inglese.  Predilige dipingere personaggi eccentrici, stravaganti,glamour, weird; ossia quelli che non vivono ma bensì vengono relegati dai benpensanti ai margini del sistema. E’ quello un mondo di persone strane che, grazie ai loro look fenomenali e a modi sorprendenti di esternare la loro personalità hanno il potere di trasformare una passeggiata nell’immersione in un divertente universo parallelo con cui pochi hanno la fortuna di poter interagire, per pregiudizio o per semplice disattenzione dei molti.

_MG_8657

_____________________________________________________________

Bol 23 – vera e propria avanguardia della street art romana, è stato il primo street artist romano ad essere intervistato, ed avere uno spazio personale, sul più grande e completo archivio di graffiti esistente al mondo (www.graffiti.org).

_MG_8597

______________________

Desidero ora ringraziare tutti coloro che hanno dato vita all’evento “Colla” dall’organizzazione agli artisti partecipanti che, con il loro impegno, hanno permesso di realizzare questo articolo.

Un particolare ringraziamento va infine sia all’artista Avatarmania che, tramite il mio amico Giorgio, mi ha messo in contatto con le persone giuste, sia a Veronica Failoni che con le sue appropriate notizie mi ha fatto conoscere un mondo a me fino a ieri poco conosciuto.