Imack the Crocodile

Il lettering di viale della Sorbona

Domenica 14 settembre, informato dal mio agente segreto, sono piombato in viale della Sorbona, estrema periferia est di Roma, in quella zona dove sta a fatica sorgendo la città universitaria del terzo millennio, Tor Vergata. Lì si teneva alla chetichella, su un cosiddetto muro libero, un simposio di writers, quelli che io, da profano, definisco gli artisti del lettering, la forma primordiale della street art universale.

Organizzatore dell’evento era stato IMACK the Crocodile, romano in trasferta a Milano per accudire al suo lavoro, che, tornato a Roma per pochi giorni, aveva coinvolto i suoi amici Writers  in una maratona pittorica su un muro lungo oltre 70 metri. Avevano risposto all’appello da tutta Italia e non solo (Napoli, Ancona, Termoli, Gallipoli, Milano, Svizzera e  ovviamente Roma) i writers Cheone, Mor, Crea, Gofy, Basko, Sabote, Smyle, Brom, Ysar, Sorte, Koer, Bas k, Blue, Dika, Hash (e spero di non aver dimenticato nessuno).

IMACK the Crocodile , dietro il quale c’è un percorso formativo che si muove dalla pittura ad olio al disegno 3d passando per l’aerografia e la grafica 2, predilige l’aerosol art: lui dice che è la fiamma che gli scalda il cuore con il suo profondo studio della lettera. Nelle sue realizzazioni artistiche, ma anche nel suo lavoro di Product Designer unisce realismo ed astrattismo, e nel disegno e nella progettazione di oggetti. Lo scorso anno ha fondato il collettivo ”Flamable Brotherz” che racchiude molti dei più validi esponenti della street art italiana e collaborano con molti comuni per realizzazioni di decoro urbano in ambito pittorico e scultoreo.

In un primo tempo avrei voluto presentare l’opera nel suo complesso, con una panoramica digitale, ma l’estrema lunghezza del soggetto avrebbe finito per sminuire il lavoro fatto da questi ragazzi, quindi, dopo attenta riflessione, ho deciso di dare una vaga idea del sito e poi  presentare separatamente le varie parti che compongono l’opera. Ovviamente chi volesse godere a pieno dell’immenso murale si faccia una bella passeggiata in viale della Sorbona, magari di domenica, quando il traffico è ridotto al lumicino, e rigorosamente in bicicletta.

Ecco ciò che questi ragazzi sono riusciti a materializzare sul quel muro di viale della Sorbona:

 _MG_0157-Modifica

 il muro inserito nel contesto stradale

Di seguito lo sviluppo del murale andando da sinistra a destra:

_MG_9856-Modifica

_MG_9865-Modifica

_MG_9868-Modifica-2

_MG_9872-Modifica

_MG_9874-Modifica

_MG_9879-Modifica

_MG_9882-Modifica

_MG_9886-Modifica

_MG_9891-Modifica

_MG_9894-Modifica

Annunci