Nicola Verlato

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /172

Il 7 aprile scorso, con il murale al giorno numero 160, avevamo presentato l’incipit di un’opera dedicata alla vita di Pierpaolo Pasolini; ci troviamo in via Galeazzo Alessi, nella storica Torpignattara, porzione del più grande quartiere istituzionale che risponde al nome di “Tuscolano”. Il grande murale che riempie la parete cieca di un piccolo condominio di tre piani, si espone al sole nelle ore del primo pomeriggio e lo accompagna fino al tramonto; ed è in quel periodo che il grande affresco mostra tutta la sua potenza, infatti, le ombre sapientemente disegnate dall’artista, Nicola Verlato, emergono alla grande, dando all’opera una strabiliante tridimensionalità: sembra di essere, in un proscenio classicheggiante, veramente di fronte ad un candido gruppo marmoreo realizzato con la pietra di Botticino. Danno una drammaticità unica al tutto il bianco ed il nero bronzato, unici colori usati per realizzare il murale.

Nei giorni scorsi il murale è stata completato; per chi non avrà la possibilità di poterlo visitare di persona, oggi ne daremo un meticoloso resoconto  fotografico.

 172a

l’opera e l’ambiente

Ed ora una serie di scatti che mette in risalto la meticolosità certosina di Nicola Verlato, virtuoso del pennello, nel rappresentare anche i più piccoli particolari dell’opera. Lui, abituato a dipingere su tela, non si è lasciato minimamente impressionare dalle dimensioni del muro ed ha portato a termine, in meno di un mese, la sua titanica opera che ripercorre in senso verticale tutta la vita di Pasolini che, ucciso, cade nel girone infernale mentre dall’alto in basso scorre rapidissima la sua vita, dalla figura del suo assassino circondato da giornalisti e carabiniere alle scene di “Salò o le 120 giornate di Sodoma”, per arrivare alle tre figure più importanti per la sua formazione culturale in età giovanile, la madre, Petrarca ed Ezra Pound.

 172l

172b  172n

 172m  172e

172f

172p     172o

172h

Annunci

Un murale al giorno (toglie la malinconia di torno) /160

Quello che vedete qui sotto non è parte di un gruppo marmoreo; si tratta di un particolare del grande murale che l’artista  Nicola Verlato sta realizzando in via Galeazzo Alessi a Torpignattara, media periferia romana sulla via Casilina, ad est della città. Quelle che vedete non sono ombre prodotte dalla tridimensionalità che il soggetto sembra avere ma che in realtà non ha, bensì sono state realizzate dalla sapiente mano dell’artista, un Merisi del terzo millennio, grande realizzatore di tele, prestato per l’occasione alla street art.

160a

Nicola Verlato, cinquantenne veronese ha sentito fin da piccolo l’istinto del pittore, da giovanissimo allievo di un monaco che lo ha guidato nel mondo della pittura classica ha completato la sua formazione studiando architettura; studia poi gli strumenti musicali, da quelli classici, pianoforte, liuti, chitarra per finire con il basso ed il sintetizzatore. Questo murale in corso di realizzazione sulla parete cieca di un palazzo avrà delle dimensioni ragguardevoli, tre piani di altezza per un appartamento di base, rappresenterà un’allegoria della morte e della vita di Pierpaolo Pasolini.

160b

Nicola Verlato intento nella realizzazione del suo murale

Per ora accontentiamoci di alcuni particolari dell’opera che, man mano che prenderà forma, vi presenteremo e vi descriveremo.

160d    160e

160c